Messico

da 2990 euro a persona
Dal 29 Ottobre al 09 Novembre 2017

Alla ricerca del Messico autentico

Viaggio in collaborazione con BCC di Gradara

 

PROGRAMMA DI VIAGGIO:

1° Giorno (29 Ottobre) Italia – Cancun: Ritrovo dei partecipanti e partenza in bus GT alla volta dell’aeroporto di Bologna. Disbrigo formalità doganali e imbarco sul volo per Cancun, via Parigi. Pasti a bordo. Arrivo ore 17.15 e trasferimento in hotel. Cena e pernottamento. Cancun è una città messicana di incredibile bellezza. La sua esoticità attira, come ovvio, innumerevoli turisti ogni anno. Il governo di questo paese ha previsto apposite forme di intrattenimento dei turisti, al fine di rendere questa città invitante e prosperosa.

2° Giorno (30 Ottobre) Cancun – Chichen Itza – Izamal – Merida: Prima colazione in hotel e partenza per Chichen Itza (2 ore e 30 minuti). Incontro con la guida parlante italiano e intera mattinata dedicata alla visita del sito archeologico.  Viaggerete nel tempo e scoprirete il mondo degli antichi maya a Chichén Itzá. Il sito archeologico maya più conosciuto dello Yucatán nominato dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità è inserito tra le “Nuove sette meraviglie del mondo”. Il nome Chichen Itza significa “bocca del pozzo degli Itza”, i quali Itza, erano una popolazione tolteca, proveniente dalla città di Tula nel Messico centrale. L’edificio più spettacolare della città è la Piramide di Kukulkan, una divinità tolteca che corrisponde a quella maya di Quetzacoatl, il dio-uccello piumato. La piramide, alta 25 metri presenta quattro gradinate con un totale 365 gradini corrispondenti ai giorni del calendario. Ogni anno, nel giorno dell’equinozio di primavera e dell’equinozio di autunno, il sole crea un’illusione ottica per cui sembra che un serpente salga o discenda lungo le scale della piramide di Kukulkán, un fenomeno incredibile che attrae folle immense. Pranzo libero. Nel pomeriggio proseguimento per Izmal che è conosciuta come la città delle due culture, in quanto permette al visitatore di sperimentare il meglio di epoca pre-ispanica e coloniale. Non è sorprendente se, tra le pittoresche case coloniali, trovate i resti di una piramide. C’è una ricchezza di siti archeologici sparsi in tutta la città magica. Proseguimento per Merida.  Mérida è la città più grande dello stato dello Yucatán, nonché la sua capitale amministrativa, culturale e finanziaria. È una città moderna e cosmopolita, ricca di musei, gallerie d’arte, ristoranti, negozi e boutique, e una delle località più importanti in cui scoprire l’eredità maya del Messico. Visiterete la Cattedrale di San Ildefonso, Casa Montejo, il Palzzo del Governo per terminare con gli Champs Elysees. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

3° Giorno (31 Ottobre) Merida – Haciendas – Merida: Prima colazione e intera mattinata libera per esplorare la bellissima cittadina di Merida. Pranzo libero. Partenza per l’Hacienda Yaxcopoil. Il nome di questa hacienda significa in lingua Maya “Luogo del verde albero di Alamo”. Il tour a piedi prevederà la casa principale con i suoi alti soffitti e ampie finestre e altri locali dove ci sono reperti Maya. Arrivo a Hacienda Ochil. Sulle pareti di questa affascinante hacienda troverete fotografie e disegni di quel periodo, inoltre vi è un negozio di artigianato con souvenir realizzati da artigiani locali, un ristorante dove si può provare il migliore piatti tipici preparati dalla popolazione locale e un museo pieno di manufatti originali. Pranzo libero. Cena e pernottamento in hotel.

4° Giorno (01 Novembre) Merida – Uxmal – Campeche: Prima colazione e rilascio delle camere. Intera mattinata dedicata alla visita di Uxmal, a circa 80 Km da Merida. Un progetto maestoso, uno spettacolare ambiente selvatico e piramidi e templi di pietra calcarea rosa rendono Uxmal una delle città antiche più pittoresche della regione Puuc, che in lingua maya yucateca significa “colline”: le rovine di Uxmal, in effetti, si trovano proprio su un territorio collinare. Questo sito è stato definito dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità; è stato uno degli insediamenti maya più importanti dello Yucatán.  Uxmal significa “costruita tre volte” in lingua maya yucateca; questo nome fa riferimento alla costruzione della Pirámide del Adivino, o Piramide dell’Indovino. Esploreremo i magnifici edifici, tra cui la Casa del Mago – che domina il sito, il monastero, e la Casa delle Tartarughe. Pranzo libero. Nel pomeriggio proseguimento per Campeche e visita guidata. Campeche è una città costiera di origine coloniale, con appena 190.800 abitanti; a sole due ore e mezza a sud di Mérida, è una città ricca di storia navale e di architettura spagnola barocca, ma anche di bellezza antica. L’UNESCO la dichiarò Patrimonio dell’Umanità nel 1999, dando così un forte stimolo al restauro dei suoi magnifici tesori architettonici. Il Fuerte de San José, dispone di una mostra sulla storia militare coloniale, ed il Fuerte de San Miguel mette in mostra splendidi manufatti Maya. Continuiamo per Baluarte de San Carlos e Baluarte de la Soledad – due dei sette bastioni che possono essere visitati; Ex-Tempio di San Jose – una ex chiesa dei Gesuiti con una elaborata facciata di piastrelle blu e giallo; la Casa del Teniente del Rey – l’ex residenza del rappresentante militare del re spagnolo; e la Cattedrale. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

5° Giorno (02 Novembre) Campeche – Palenque: Prima colazione, rilascio delle camere e partenza per Palenque (circa 4 ore e 30 minuti). Ai piedi dei monti Tumbalá, l’antico sito Maya di Palenque risiede su una sporgenza che domina le pianure paludose che si estendono verso nord fino alla costa del Golfo. Palenque era al suo apice tra il 500 e il 700 dC, quando la sua influenza si estese in tutto il bacino del fiume Usumacinta. L’eleganza e la maestria degli edifici, così come la leggerezza dei rilievi scolpiti con i loro temi mitologici maya, attestano il genio creativo di questa civiltà. Esploreremo le magnifiche rovine, tra cui il Tempio delle Iscrizioni – il più alto e più maestoso degli edifici di Palenque, monumento funebre del re Pacal, il Tempio del Sole, “El Palacio” – un complesso di edifici costruiti su un’enorme terrazza artificiale. Il nome è dovuto all’unione di corti, torri, portici e passaggi sotterranei, un labirinto di corridoi e stanze, e molti altri splendidi edifici. Pranzo libero. Sistemazione nelle camere, cena e pernottamento.

6° Giorno (03 Novembre) Palenque – Yaxchilan – Palenque: Ci dirigeremo verso il sito archeologico di Yaxchilan, che si trova a 164 km a sud-est di Palenque. Arriviamo alla città di confine Frontera Corozal. Da qui proseguiamo per altri 22 km in barca sul fiume Usumacinta.  Risalendo il fiume per circa un’ora con una lancia a motore, in uno scenario da film, contornati da autentici muri di foresta tropicale, si arriva al sito archeologico. Arriviamo a Yaxchilan, che si trova 20 metri sopra il livello del fiume. Un vero paradiso terreste per chi ama gli animali, infatti sia lungo il fiume Usumacinta, tanto sulla sponda messicana quanto su quella guatemalteca (in questo tratto il fiume è il confine tra i due stati), sia nella foresta avrete la fortuna di avvistare tucani, iguane, caimani, pappagalli, scimmie urlatrici, scimmie ragno e una infinità di uccelli. Questa è la tipica escursione dove è bella ed interessante non solo la meta, ma lo è altrettanto, se non di più, tutto il tragitto per raggiungerla. Pranzo libero e rientro a Palenque. Cena e pernottamento.

7° Giorno (04 Novembre) Palenque – Calakmul – Chicanna: Prima colazione e partenza alla volta di Chicanna. Breve sosta per la visita guidata di Calakmul (300 Km circa). Calakmul non è solo un sito archeologico mozzafiato, ma è anche la più grande riserva ecologica tropicale di tutto il Messico, nonché il secondo polmone verde del continente. Situata presso il confine orientale del Campeche con il Quintana Roo, questa enorme riserva (che è ampia quanto il 15% dell’intero territorio del Campeche) è la più grande foresta tropicale di tutto il Messico. Con un’estensione di 723.185 ettari, offre ai visitatori una delle migliori opportunità eco-archeologiche per scoprire il mondo maya. La diversità della fauna silvestre e della vegetazione tropicale saprà sorprendervi. Calakmul fu la principale avversaria della potente Tikal, nel vicino Guatemala. Cena e pernottamento.

8° Giorno (05 Novembre) Chicanna – Bacalar – Cenote Azul – Chetumal:  Prima colazione e partenza per Bacalar. La magica città di Bacalar è anche conosciuta come “La laguna dai sette colori” per i toni che cambiano, che vanno dal bianco al sabbia a tonalità di verde e blu. Questa varietà di colori si verifica a causa di una combinazione di fattori: acque cristalline, il colore morbido del fondo della laguna e i raggi solari. Si visiterà il Forte di San Felipe Bacalar, le cui pareti, colonne e bastioni mostrano ancora le cicatrici delle battaglie. E ‘stato costruito nel 1725 per difendere la città dai pirati. Al giorno d’oggi è un museo. All’ingresso del paese, vicino alla laguna c’è un bellissimo pozzo naturale chiamato il “Cenote Azul”. Il termine Cenote Azul, deriva dalla parola maya dz’onot, che significa “caverna con depositi d’acqua”, e viene usata dai geologi per definire un pozzo calcareo naturale, o dolina. Possibilità di fare il bagno. Pranzo libero. Proseguimento per Chetumal, situata al confine con il Belize, è una piccola città lungomare con ampi viali e case dipinte in tonalità pastello. Cena e pernottamento.

9° Giorno (06 Novembre) Chetumal – Tulum – Cancun: Prima colazione. Ci dirigeremo verso il sito archeologico di Tulum, l’unica città murata che i Maya abbiano costruito vicino al mare. Avremo tempo per esplorare le rovine, tra cui il Castello, la bellissima piramide arroccata sul bordo di una scogliera alta sopra le spiagge di perle bianche. Da qui si può ammirare la maggior parte della città antica, e godere di una magnifica visuale della costa caraibica. Si prosegue per il Gran Cenote, la più famosa zona di immersioni e snorkeling della Riviera Maya. Pranzo libero. Proseguimento per Cancun. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento. Forse credete di conoscere Cancún: 22 chilometri di spiagge bianche naturali che, viste dall’alto, sembrano formare il numero “7”, acque cristalline e notti sensuali che potrete godervi al massimo sorseggiando un ottimo margarita, esatto? Be’, avete ragione, ma solo fino a un certo punto, perché Cancún è molto di più.  Nella parte a nord-est della penisola dello Yucatán, nello stato del Quintana Roo, Cancún si trova nel territorio che, un tempo, apparteneva all’antica civiltà maya e che oggi si considera come il portale d’accesso al suo mondo.

10° Giorno (07 Novembre) Cancun: Prima colazione e intera giornata dedicata al relax sulla meravigliosa spiaggia di Cancun. Cena e pernottamento

11° Giorno (08 Novembre) Cancun – Italia: Prima colazione. Rilascio delle camere. (Possibilità di richiedere late check out con supplemento). Trasferimento in aeroporto, disbrigo formalità doganali per il volo intercontinentale diretto a Bologna, via Parigi. Pasti e pernottamento a bordo.

12° Giorno (09 Novembre) Italia: Arrivo a Bologna e trasferimento in bus Gt.

 

OPERATIVO VOLI:

DATA ORIGINE DESTINAZIONE PARTENZA ARRIVO
29/10/2017 BOLOGNA PARIGI 07.00 08.45
29/10/2017 PARIGI CANCUN 12.15 17.15
08/11/2017 CANCUN PARIGI 19.30 10.50+1giorno
09/11/2017 PARIGI BOLOGNA 15.00 16.40

 

QUOTA PER PERSONA IN CAMERA DOPPIA: € 2.990,00

SUPPLEMENTO CAMERA SINGOLA: € 445,00

RIDUZIONE TERZO LETTO ADULTI/BAMBINI: € 59,00

 

La quota comprende:

  • Trasferimento in bus gt per Aeroporto Bologna A/R
  • Volo intercontinentale in classe economica
  • Franchigia bagaglio in stiva + bagaglio a mano
  • Tasse aeroportuali
  • Tour come da programma
  • Hotel selezionati con colazione americana
  • Tutte le cene con bevande (acqua + 1 birra o bicchiere di vino)
  • Guida privata parlante italiano
  • Bus privato con aria condizionata
  • ingresso ai siti indicati
  • Facchinaggio in aeroporto
  • Accompagnatrice dall’Italia
  • Serata presentazione viaggio e consegna documenti
  • Gadget di viaggio
  • Assicurazione medica / bagaglio di base
  • Colazione sul bus di andata
  • Adeguamento valutario (abbiamo già bloccato USD)

La quota non comprende:

  • Pranzi
  • Mance per le guide e gli autisti
  • Tasse d’immigrazione
  • Assicurazione annullamento facoltativa pari al 6% del costo del viaggio
  • Tutto quanto non dato per incluso in “la quota comprende”

 

MESSICO: PER PARTIRE INFORMATI!

 

Superficie

1967183 km²

Lingua

Lo spagnolo è la lingua nazionale, parlata in tutto il paese, ma con un ritmo più lento e più musicale rispetto a quello della Spagna. L’inglese è utilizzato nelle grandi zone turistiche e negli hotel. Ma in alcune regioni interne vengono tuttora parlati numerosi dialetti e una piccola parte della popolazione non parla lo spagnolo.

Popolazione

106345034 hab.

Voli

Calcolare circa 13 ore e 30 minuti di voli, a cui si aggiunge il tempo di attesa allo scalo.

Formalità e visti Messico

Per i soggiorni turistici di una durata massima di 90 giorni non serve visto. È sufficiente avere il passaporto con validità di almeno 6 mesi oltre la data di rientro e il biglietto aereo di andata e ritorno, oltre al modulo della carta turistica (detta FMT). La carta FMT è disponibile presso tutti i Consolati messicani, le compagnie aeree e gli uffici immigrazione situati all’ingresso del territorio messicano.

Religioni

Oltre il 95% dei Messicani è cattolico e molto praticante e circa il 4% è protestante. Ma questo cattolicesimo è particolarmente misto e vede l’integrazione di numerosi riti ancestrali indiani. Pertanto il fascino della morte ereditato dalle civiltà precolombiane e gli elementi vitali degli indios si ritrovano spesso affiancati nelle decorazioni delle chiese. Un sincretismo a volte spettacolare, come in alcuni villaggi del Chiapas. Certi riti tradizionali si tramandano in alcune etnie isolate: la consumazione del peyote per le sue virtù allucinogene presso gli huicholes o il rito della fertilità dei voladores presso gli indios di Papantla. Infine lo stregone-guaritore, il “brujo”, è un personaggio importante nella vita rurale.

Moneta

La moneta ufficiale è il peso messicano, in tagli da 20, 50 e 100. Conviene munirsi di spiccioli (i negozietti, i tassisti e i commercianti per strada raramente hanno da cambiare), e di dollari americani. Le valute straniere sono cambiate nelle banche e gli uffici di cambio, ma il dollaro è accettato più facilmente che l’euro. Le principali carte di credito (Visa, Mastercard/Eurocard et Amex) sono accettate nella maggior parte degli hotel, dei ristoranti e negozi nelle località turistiche. In alcuni negozi, tuttavia, gli acquisti con carta di credito pagano un supplemento di 4 a 6%. Le grandi città dispongono di bancomat.

Salute

Raccomandazioni generali: Non è richiesta nessuna vaccinazione. Non è necessario nessun trattamento antimalarico. Nelle regioni tropicali costiere, soprattutto durante la stagione delle piogge, dopo il tramonto è bene indossare abiti che coprano gambe e braccia e cospargere piedi, mani e collo di lozione repellente. La zanzariera potrebbe rivelarsi una fedele alleata. Attenzione alle scottature solari, soprattutto nelle zone in cui il sole è particolarmente caldo, come la Costa Sud dello Yucatan e la Bassa California. Le malattie gastro-intestinali non sono rare per i turisti, poco avezzi alle tradizioni culinarie locali e poco attenti. Si sconsiglia di consumare agrumi o frutti di mare nei chioschi che non mostrano le corrette garanzie igieniche. Non bevete acqua di rubinetto e preferite le acque minerali in bottiglia, senza ghiaccio, ed evitate di mangiare gelati e sorbetti. Portate con voi farmaci antidiarroici.

Elettricità

110 V. Sono necessari un trasformatore e un adattatore per prese americane (a due spine piatte). Si consiglia di comprare il trasformatore prima di partire, perché sul posto è carissimo. Lo stesso vale per le pile, che costano una fortuna.

Tasse e mance

Tutti i prezzi locali si intendono comprensivi di IVA. Una tassa di 120 MXP viene applicata ai voli internazionali che partono dal Messico e solitamente è compresa nel prezzo del biglietto aereo. Il servizio è solitamente già compreso nel prezzo, ma nei ristoranti e negli hotel delle grandi stazioni balneari è diffusissima la propina (mancia dal 10 al 15%). Per quanto riguarda la contrattazione, fa parte del commercio: abbassare il prezzo proposto dal 20 al 30% è qui un’abitudine.

Scarica gratuitamente il programma di viaggio

Vuoi prenotare questo pacchetto? Compila il form sottostante